Chi sono

Se siete qui è perché vorrete leggere qualcosa su di me e benché, lo confesso, scrivere di me stessa mi risulti cosa assai ostica, lo farò in breve e senza indugi.

Mi sono laureata all’Università La Sapienza di Roma in Storia dell’Arte col massimo dei voti e tanto di lode ed ho conseguito con passione un Diploma di Conservatorio per cui ho meritato la qualifica di Maestro di pianoforte, tutto ciò nella prima parte della mia vita.

Tuttavia è stato sempre il lavoro di creazione manuale, associato a quest’amore per l’arte ed il “bello”, a tener saldi i nervi e la mia sensibilità accelerata, come d’altronde la migliore psichiatria suggerisce.

Perciò, armata di una segreta quanto profonda passione per la gioielleria divenuta incontenibile, ho preso coraggio e, trasferitami a Firenze, la città più bella del mondo nonché patria della gioielleria classica, ho frequentato la scuola migliore che io potessi trovare, la Scuola Perseo. Ho studiato con orafi rigorosamente e orgogliosamente fiorentini di grande esperienza e valore di cui cerco di essere degna allieva e allo stesso tempo ho trovato una famiglia di amici meravigliosi e , finalmente, la MIA VIA. Perciò, con un totale ribaltamento esistenziale, non ho più bisogno di parlare per esprimermi sul bello e allo stesso tempo dire di me, ragione ulteriore per cui amo l’oreficeria: gli oggetti che creo sono parti di me, i delegati cui consegno il mio non-detto.

La mia creatività, le mie idee nascono a volte dal nulla, o meglio dal bagaglio di forme, sogni, immagini mentali che mi abitano, altre ancora da ciò che vedo e con cui entro in sintonia, da ciò che attira la mia sensibilità e i miei occhi. E le mani, lungi dall’essere mere esecutrici, elemento passivo, suggeriscono dell’altro, “formano” la materia come strumenti attraverso cui scorre e passa energia vitale.

E’ per questo che un gioiello, quando è un manufatto “unico”, racchiude più del suo intrinseco valore: non è mera costruzione ma specchio al tempo stesso di chi lo crea e di chi lo indossa, un nucleo vivo, pulsante, piacere puro per chi lo realizza, mentre lo realizza, e per chi lo indosserà.

E’ per tutto questo che vorrei essere considerata, meritando di esserlo, un’artigiana e un’orafa, non già artista, parola che può voler dire tutto e niente, troppo spesso comodo vestito per ogni occasione, perché, ribaltando ogni categorizzazione

 “Ci sono momenti nei quali l’arte raggiunge quasi la dignità del lavoro manuale.”( Oscar Wilde)

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                Daniela Brusca